projekt-kinderpatenschaft
  Sponsorizzazione di bambini Steiner Touring aiuta i bambini bisognosi.

Progetto "Sponsorizzazione di bambini"

della Caritas in Eritrea

Steiner Touring partecipa al progetto della Caritas "Sponsorizzazione dei bambini in Eritrea": concludiamo un accordo di sponsorizzazione per ogni nostro dipendente fisso. In questo modo vorremmo dare un piccolo contributo per un mondo senza fame.

Questo importo va direttamente a beneficio dei bambini bisognosi dell'Africa orientale. La Caritas sta lavorando intensamente alla lotta a lungo termine contro la fame. Le misure per migliorare i metodi di coltivazione, la formazione per lo stoccaggio e la commercializzazione del raccolto, la distribuzione delle sementi e del bestiame sono altrettanto efficaci nell'aiutare le persone quanto i progetti per la prevenzione e il trattamento della malnutrizione acuta e i programmi di formazione. Ognuno di questi progetti contribuisce ad avvicinarsi un po' di più all'obiettivo di un mondo senza fame.

dsc03465
Eritrea: Progetto "Am dam des"
Eritrea: Progetto "am dam des"
100 bambini di famiglie povere che abitano a Tokonda e dintorni frequentano l’asilo del centro che ospita anche un presidio socio-sanitario, un faro nel buio in un paese dove la povertà e la fame sono comuni. Nell'asilo ai bambini viengono assicurati cibo, scuola e cure mediche. È una concreta speranza anche per le loro famiglie, permette loro infatti di continuare a lottare per migliorare un’esistenza spesso fatta solo di rinunce e sacrifici.

Una regolare alimentazione
In una terra dove l’acqua o poter mangiare ogni giorno è ancora un sogno per tanti, non è facile continuare a sperare nel futuro. L'asilo di Tokonda è una luce nel buio. Qui i piccoli ricevono una regolare alimentazione per contrastare i rischi legati alla fame e alla mancanza di vitamine. Per molte famiglie avere una bocca in meno da sfamare significa tanto e ancora di più significa sapere che a un loro figlio sono assicurati cibo, scuola e cure mediche.

Vivere tra fame e malattie
Tokonda è un grosso villaggio che conta circa 5.000 abitanti. La popolazione vive principalmente di agricoltura e pastorizia. L’ambiente è però molto povero di fonti idriche e i numerosi periodi di siccità costringono la gente a ore di fila davanti all’unico pozzo ancora utilizzabile, scavato 18 anni fa grazie agli aiuti della Caritas e della popolazione altoatesina, oppure a camminare per molti chilometri per raggiungerne altri. La siccità condiziona l’economia agricola locale e molto spesso, non avendo alcun raccolto, la popolazione è ridotta alla fame. La malnutrizione colpisce sempre più bambini e moltissimi di loro, anche a causa di malattie dovute alla non potabilità dell’acqua e alla mancanza di vitamine, muore entro il quinto anno di vita. Il tasso di scolarizzazione è sempre più basso perché i bambini devono lavorare per contribuire alla sopravvivenza di una famiglia spesso senza genitori perché arruolati nell’esercito, morti o fuggiti in cerca di fortuna. L’indice d’analfabetismo si aggira attorno al 43%, la mortalità infantile è pari a 85 ogni 1.000 bambini e il reddito medio familiare è stimato in 0,5 € al giorno.

Il progetto "Am dam des"
110 bambini frequentano ogni giorno l'asilo di Tokonda. Appartengono soprattutto a famiglie numerose o a quelle in cui è presente solo un adulto (madre o nonna). Insieme all’insegnamento delle lettere dell’alfabeto e dei numeri, i piccoli hanno la possibilità di giocare e cantare ma soprattutto di ricevere ogni giorno un bicchiere di latte zuccherato, focaccia o cereali, legumi e un frutto di stagione. Ricevono una divisa scolastica confezionata dalle loro madri e, come tanti adulti, una prima assistenza sanitaria, medicine e vaccinazioni. A rotazione, molte famiglie della zona ricevono una volta all’anno alcuni chili di sementi per seminare orzo, grano e fave.

Un euro al giorno per migliorare la vita di un bambino
Per ogni bambino il finanziamento per un anno di programma ammonta a 354 Euro. Nei costi del progetto sono compresi anche gli stipendi per le 2 maestre e per l’infermiera, l’acquisto di materiale igienico e sanitario, di medicine e vaccinazioni, il carburante per il trasporto dei generi alimentari. Spesso si riescono ad aiutare anche molte famiglie con cibo e medicine.
2017-05-18-10-42-44